Youth Advocacy: in sostegno ai giovani

Il terzo appuntamento dedicato alla Strategia di Comunicazione del Programma MAB si è svolto in un webinar giovedì 30 luglio ed è stato interamente destinato alla youth advocacy: in sostegno ai giovani. Il sostegno ai giovani, infatti ha un potenziale ritorno sia nell’immediato presente che per il futuro.

Sono i giovani infatti la principale risorsa su cui investire in un territorio, favorendo la loro presa di coscienza sul senso di comunità e sulla consapevolezza delle potenzialità del proprio territorio, in chiave di sviluppo sostenibile. Ci troviamo in un momento trasformativo per la società, un momento che mette in discussione il nostro modo di vedere le nostre relazioni con la natura, con la comunità e con il nostro modo di vivere e di lavorare; un momento in cui si presenta l’opportunità di ispirare nelle comunità modi di vita più armonici con la natura. Dunque, amplificare il potere e la parola dei giovani è un pilastro fondamentale per il Programma MAB UNESCO.

Infatti, i giovani sono uno dei principali stakeholder nella definizione della Strategia di Comunicazione globale e la sessione online di giovedì 30 luglio è stata sviluppata ed ospitata dai membri del MAB Youth Networks e del Global Youth Biodiversity Network (GYBN). Il Webinar di giovedì scorso è stato moderato da Mario Benkoć della Riserva di Biosfera Karst (Slovenia) con la partecipazione di Cecilia Laporta dei giovani delle Riserve di Biosfera dell’America Latina e con la referente del Programma MAB UNESCO Meriem Boumrane.

Il webinar si è focalizzato sul “migliorare il dialogo intergenerazionale tra giovani ed il Network MAB, ispirando il MAB a coinvolgere in maniera più significativa la prossima generazione”. Questo webinar infatti è stato svolto da/per e con i giovani per promuovere il dialogo e l’inclusione dei giovani. Questo webinar si è poi distinto dai soliti crendo un momento partecipativo di discussione a gruppi nei quale i partecipanti sono stati suddivisi in due categorie: a) minori di 35 anni e b) maggiori di 35 anni. I gruppi così hanno discusso su due punti chiave:

a) Quali sono le barriere e le sfide per il dialogo tra i giovani e i responsabili delle decisioni nel MAB e nelle Riserve di Biosfera?

b) Quali sono le opportunità e i prossimi passi per migliorare il dialogo tra i giovani e i decisori del MAB e della Riserve di Biosfera?

Nel webinar si è parlato anche degli eventi dedicati ai giovani e si è raccontato il Primo Forum Mondiale dei Giovani nel Delta del Po del 2017 e la sua successiva edizione in Cina nel 2019. I partecipanti sono stati introdotti alle diverse reti giovanili del programma MAB come l’AfriMAB Youths, ArabMAB Youths, AsiaMAB Youths, IberoMAB Youths e EuroMAB Youths.

Durante questa iniziativa sono stati presentati anche i risultati di un recente questionario grazie al quale è emerso che il 32% dei partecipanti (rappresentanti di Riserve di Biosfere nel mondo) ha risposto che per loro nel coinvolgimento giovanile la sfida maggiore è far diventare i giovani Ambasciatori della Riserva di Biosfera. La risposta più diffusa, invece, alla domanda “Quali azioni possono intraprendere i giovani per rendere un servizio migliore alla Riserva della Biosfera durante e dopo la crisi di COVID-19?” è stata: ispirare altre generazioni nel ruolo che hanno per il futuro le Riserve di Biosfera.

Tutti i risultati delle discussioni ed i contenuti del webinar verranno presto ricapitolati all’interno di un ebook promosso al termine della serie di webinar della Strategia di comunicazione UNESCO.

La serie di webinar di cui fa parte l’appuntamento dedicato ai giovani è stata progettata per aiutare la rete MAB a ispirare e coinvolgere i principali stakeholder delle Riserve di Biosfera in questo momento di trasformazione. Il webinar del 30 luglio è stato il terzo di una serie di appuntamenti mentre il prossimo si focalizzerà sul tema del coinvolgimento delle imprese e si svolgerà online il 03 settembre.